OPEN Bim

OPEN BIM

OPEN BIM fa riferimento ad un approccio universale alla collaborazione nella progettazione, la realizzazione e la gestione degli edifici secondo standard e procedure aperti.
L’ OPEN BIM è un’iniziativa di molti produttori di software basato sul formato aperto buildingSMART Data Model.

Programma OPEN BIM

Il Programma OPEN BIM è una campagna di marketing cominciata da GRAPHISOFT®, Tekla® ed altri per incoraggiare e facilitare la promozione coordinata e globale del concetto di OPEN BIM nell’industria delle costruzioni, con una comunicazione ed un branding definiti e disponibili per tutte le compagnie che partecipano al programma.
Leggi tutto…

La Certificazione OPEN BIM è un sistema di certificazione tecnica per aiutare i produttori di software per l’industria delle costruzioni ad implementare, testare e certificare che i dati prodotti dai loro software si interfacciano bene con altre applicazioni OPEN BIM.

Perché è così importante?

  1. L’OPEN BIM favorisce un flusso di lavoro aperto e trasparente che consente ai professionisti di collaborare indipendentemente dai software che utilizzano.
  2. L’OPEN BIM definisce un linguaggio comune per procedure largamente condivise che consentano all’industria e ai governi di ottenere progetti con finalità commerciali trasparenti, comparabilità dei servizi e garanzie sulla qualità dei dati.
  3. L’OPEN BIM produce progetti durevoli che coinvolgono l’intero ciclo di vita dell’edificio, evitando di dover replicare dati con i conseguenti inevitabili errori.
  4. Piccoli e grandi fornitori di piattaforme software possono partecipare e competere per le soluzioni migliori, indipendentemente dai sistemi in uso.
  5. L’OPEN BIM premia le produzioni più in linea con le richieste degli utenti di dare ed avere dati direttamente all’interno del sistema BIM.

Designed by Bond Bryan Architects

Questioni chiave della collaborazione nei progetti

Anche alla più piccola scala – i progetti necessitano notevoli sforzi dovuti alle sfide per una seria collaborazione. I progetti di completati con successo sono il risultato della collaborazione di diversi team di professionisti della costruzione come architetti, ingegneri e un appaltatore e vari sub-appaltatori.

Questi team il più delle volte non hanno divergenti priorità “commerciali” e fanno parte di organizzazioni indipendenti con interessi opposti.

Come conseguenza, queste sono le questioni relative alla collaborazione presenti nella naggior parte dei progetti:

    • Mancanza di un reale flusso di lavoro di coordinamento → le varie parti non coordinano il proprio lavoro; al contrario, condividono solamente la documentazione in corso per mostrare gli intenti del progetto
    • Perdita di informazioni durante la conversione dei dati → i dati nativi devono essere convertiti per un’apertura alle altre parti per il coordinamento
    • Problemi di interpretazione dei dati dalle altre parti → i dati diventano informazioni reali solo quando si è stabilito un flusso per la loro corretta interpretazione
    • Limitato utilizzo dei dati della costruzione creati dagli altri → le informazioni del progetto create da qualcuno non possono essere integrate al lavoro di tutti gli altri
    • Mancanza delle informazioni supplementari tra le parti dovute a modifiche nel progetto → Il coordinamento non si basa su un unico scambio di dati ma è piuttosto un processo continuo bi-direzionale
    • Mancanza di un ambiente di coordinamento generale tra le varie parti → idealmente il coordinamento include tutte le attivita relazionate quali la collision detection, i computi delle qualità e le questioni di construibilità
    • Mancanza di modelli dettagliati per la costruzione → il ritardato coordinamento e il tempo impiegato per produrre disegni 2D forzano a costruire basandosi su schizzi e piante non aggiornate.

Vari approcci per affrontare le questioni sulla collaborazione

Dal punto di vista tecnico, il coordinamento tra i diversi settori è passato attraverso una lunga evoluzione. Tradizionalmente, le diverse parti presentano dei completi set di documentazione stampati durante le diverse fasi di progresso di progetto e usano questi documenti stampati sovrapponendoli e cercando di coordinare le diverse strutture e sistemi dell’edificio. Questo approccio ha ancora un suo equivalente oggi con l’equivalente digitale della carta: DWG 2D e flussi di lavoro collaborativi basati sul PDF.

Con l’avvento della progettazione basata su modello (BIM), la collaborazione è entrata in una nuova era grazie anche ai più ricchi dati di informazioni presenti nel modello. Con i modelli BIM, questa domanda è aumentata per una vera collaborazione basata sul modello. Due approcci, fondamentalmente diversi, sono emersi, uno comosciuto come approccio per “piattaforma”, dove la collaborazione si basa usando diversi moduli dello stesso produttore di software, l’altra, conosciuta come approccio “open”, dove diverse soluzioni software formano la base della collaborazione basata sul modello.

Caratteristiche dell’approccio “tradizionale”

L’approccio tradizionale alla collaborazione interdisciplinare si identifica con qualsiasi forma di collaborazione 2D, inclusi documenti cartacei, DWG o PDF o qualsiasi altra forma 2D. Questo approccio può essere caratterizzato come segue:

  • Limitato flusso di lavoro di coordinamento → l’intero flusso di lavoro si basa troppo sul lavoro manuale e sulla buona volontà delle parti
  • Pesante conversione dei dati → l’intero flusso di lavoro si basa su formati intermedi quindi i risultati della conversione dei dati provoca serie perdite di informazione
  • Nessun utilizzo dei dati degli altri → a causa delle diverse convenzioni di documentazione, i dati 2D ricevuti non possono essere ulteriormente utilizzati in maniera pratica
  • Nessun coordinamento globale → a casua della natura 2D del flusso di lavoro, il progetto non può essere coordinato in un unico ambiente integrato.

Caratteristiche dell’approccio per “piattaforma”

Uno dei principali approcci alla collaborazione basata sul modello(BIM) è l’approccio per piattaforma dove diversi noduli della stessa famiglia di prodotto sono usati per fornire una compatibilità binaria Questa compatibilità a livello di dato di per se stessa può avere gravi lacune nel flusso di lavoro di coordinamento:

  • Nessuna conversione dei dati → questo approccio offre forti promesse che si basano sul fatto che eleminando la conversione dei dati nei vari formati, tutte le problematiche del coordinamento saranno risolte. Sfortunatamente, indipendentemente dal formato dei dati, le diverse parti hanno davvero una presa diversa sulle varie strutture edilizie, che devono essere affrontate a livello del flusso di lavoro del coordinamento
  • Limitato utilizzo dei dati degli altri → sebbene l’approccio per piattaforma tenti di far prevalere un modello BIM condiviso, le diverse parti si distinguono per requisiti diversi, questo non permette un approccio integrato. in tal senso, una soluzione per piattaforma non porta alcun vantaggio comparata alle altre soluzioni
  • Questioni di compatibilità → per il pieno utilizzo dell’approccio per piattaforma, rigorose sincronizzazioni sono il prerequisito per cui tutti i partecipanti al progetto non solo dovranno usare la stessa piattaforma, ma anche la stessa versione di software. Questo può facilmente generare problemi se qualsiasi dei partecipanti appartengono ad organizzazione diverse con progetti e tempistiche di aggiornamento diverse.

Caratteristiche dell’approccio “open”

L’altro approccio di primo piano alla collaborazione basata sul modello promuove i flussi di lavoro di collaborazione aperta in cui  strutture aziendali e progetti complessi sono pienamente risolti. Questi approccio eleva la conversazione dal livello del dato al livello del flusso di lavoro usando i dati per ciò che essi sono: un mezzo o un veicolo di informazioni di alto livello. Con questo approccio, i partecipanti al progetto possono essere selezionati in base alla loro esperienza professionale e non in base al software da loro utilizzato.

  • Indipendenza dal sistema → come si evince da suo stesso nome, i flussi di lavoro aperti accordano alle diverse parti la possibilità di unirsi con i migliori strumenti pensati per il loro lavoro senza perdere i vantaggi della collaborazione basata sui modelli 
  • Integrità e proprietà dei dati del progetto BIM → nel mondo reale, ogni singolo partecipante al progetto deve conservare la proprietà e la responsabilità dei propri dati. Con i flussi di lavoro della collaborazione open, questo è pienamente raggiunto poichè le strutture parallele dei dati sono sviluppate e coordinate contemporeneamente
  • Flusso di lavoro trasparente → la collaborazione open richiede la compatibilità del flusso di lavoro raggiunta attraverso protocolli e interpretazione dei dati trasparenti per fornire un’interfaccia aperta a qualsiasi soluzione che decida di connettersi al flusso.

I benefici di OPEN BIM per le organizzazioni del mondo delle costruzioni

In contrasto con il BIM CHIUSO (o “proprietario”) la strategia OPEN offre grandi benefici ai professionisti del settore delle costruzioni:

  • I partecipanti al progetto possono lavorare con le migliori soluzioni dei loro rispettivi campi senza rischio di essere esclusi da alcuni progetti BIM.
  • I partecipanti al progetto possono mantenere il pieno controllo sugli aggiornamenti dei loro software indipendentemente dalle loro controparti nei diversi progetti in cui partecipano.
  • L’integrazione del flusso di lavoro contribuisce enormemente nella riduzione degli errori di coordinamento rispetto alla compatibilità pura dei file dei diversi strumenti software.
  • Grazie agli standard aperti l’accessibilità ai dati BIM è disponibile per l’intero ciclo di vita dell’edificio inclusa la sua costruzione e il suo esercizio.

I benefici di OPEN BIM per i progetti di edifici

Gli stessi progetti di costruzione sono prodotti con il loto stesso mercato. Con il diminuire delle differenze di materiali e tecnologie, oltre all’autenticità del design di un edificio, qualità  aggiuntivi come la sostenibilità” possono aumentare notevolmente il valore potenziale del progetto sul mercato. Il movimento OPEN BIM offre progetti di comprovata qualità. I futuri proprietari, operatori e inquilini di questi edifici avranno migliori possibilità nell’ulteriore utilizzo di questi modelli digitali degli edifici se questi saranno stati creati usando in primo luogo l’approccio OPEN BIM. Questo si traduce in un migliore ritorno dell’investimento con i cicli di costruzione continuamente allungati.

© Copyright - STC snc in      

Partita Iva: 01312880683