31/07/2017 Attenti alle Truffe

Attenti alle Truffe

La crisi impera, i siti di e-commerce acquisiscono sempre più adepti,

così sempre più spesso i aziende e professionisti alla ricerca delle migliori condizioni, anche per l’acquisto di semplici cartucce, si avventurano in acquisti on-line.

La STC è partner HP, vendiamo Workstation e Plotter che acquistiamo regolarmente in Italia, possiamo erogare Leasing e noleggi a Tasso 0% tramite la HP Servizi Finanziari o altre finanziarie con cui siamo convenzionati da oltre 20 anni.

Da alcuni anni ci troviamo a competere, con alcune realtà che praticano prezzi al disotto dei nostri importi di acquisto.

Le cause di tale differenza dei prezzi sono varie:
si va dall’importazione parallela all’evasione dell’IVA.

Si aggiungono poi quelli che, via web, fanno offerte incredibili salvo poi non consegnare la merce dopo aver incassato i soldi dei clienti.

Benché lo si faccia presente ai nostri Clienti, spesso questi non ci credono, “solite frottole da venditore…”

E qui vengo a fornirvi alcuni esempi reali:

x

Allora cosa fare per non correre rischi?

Fate una ricerca in internet e poi:

  • scegliete un Partner Certificato HP.
  • Scartate quelli che palesemente si occupano di plotter e Workstation solo marginalmente.
  • Scartate a priori i siti ove oltre ai suddetti prodotti trovate articoli di ogni genere …

Alcuni anni fa, un professionista ci contattava per avere informazioni dettagliate su un plotter, informazioni che alla luce delle sue effettive richieste, non si trovavano neppure sulle schede tecniche e, se non nel manuale d’uso del plotter.

Una volta esaudite tutte le sue richieste, si procedeva con l’offerta e questi ricevuta, ci indicava di averne trovata una migliore in internet, fornendoci a riguardo anche il sito.

Era vero, il prezzo indicato era migliore, addirittura al disotto del nostro di acquisto, ma lo stupore e la rabbia mi è montata quanto oltre ai plotter questa realtà tramite il web proponeva:

  • Prodotti per l’abbigliamento
  • Prodotti per l’igiene Intima, Pannolini e Pannoloni…
  • ecc.

In breve allo stupore e alla rabbia ha preso il sopravvento l’indignazione e la mortificazione:

  • Per essere stati usati per ottenere risposte oltre il pubblicato nella documentazione tecnica del produttore
  • Per essere accomunati a venditori di pannoloni, pannolini e tampax, degnissimi ma non per il settore informatico…

In ultima analisi, dato l’accostamento della nostra realtà all’altra, dato le conoscenze acquisite in 25 anni di distribuzione plotter oltre che di assistenza, a detto professionista avremmo dovuto applicare un prezzo ben oltre quello di listino, a titolo di consulenza pre-vendita, anche per marcare le differenze con l’altro …

Pertanto come procedere all’acquisto

  • Individuare i centri che ci sembrano i più adatti.
  • Contattarli telefonicamente.
  • Richiedere informazioni tecniche.
  • Valutate i tempi di consegna, generalmente a tempi particolarmente lunghi corrisponde un importazione parallela.

Poche regole ma FONDAMENTALI per evitare futuri problemi con il fisco.

Detto questo vediamo perchè dovreste scegliere noi per l’acquisto dei Vs. prodotti:

  • Siamo Partner certificati HP;
  • Si tratta di una certificazione, molto difficile da ottenere e mantenere, che si aggiorna annualmente, basata sulle competenze, sull’ETICA! Nessuna pratica scorretta sarebbe tollerata da HP.
  • Vietate le pratiche scorrette,
  • L’evasione dell’IVA,
  • la vendita di prodotti d’importazione parallela,
  • la cattiva gestione e cura dei clienti.
  • La vendita di materiale di consumo non originale.
  • I resi dei plotter dei clienti non conformi alle condizioni di Trade-In.

I controlli sono RIGOROSI.

  • Per quanto concerne l’assistenza tecnica, apparteniamo ad un network presente in tutta Italia.
  • Perché da oltre 25 anni vendiamo ed assistiamo plotter.
  • Perché abbiamo una linea diretta con HP.
  • Perché per noi il Cliente non è un pollo da spennare, ma un socio in affari con cui vogliamo rinnovare la collaborazione nel corso degli anni.

Alcuni anni fa un nostro Cliente, solo “Tonino” per questioni di privacy, dovendoci ordinare il suo terzo plotter dal 1992, così si è espresso: “Silvio portami un plotter, tu sai cosa fa al mio caso”,

Avete letto Bene, non mi ha chiesto il prezzo!

successivamente, nel 2017 ha acquistato sempre da noi, il suo quarto Plotter, un Designjet T930.

Grazie Tonino per averci rinnovato la Tua fiducia in 25 anni di attività.

Chi vende il prezzo, molto spesso non ha alro da Offrirti.

Silvio Falcone

14/06/2017 Camerino, ARCHICAD entra nel cratere

Una giornata di ordinaria routine…

Una di quelle giornate dove è tutto programmato;

tempi, impegni, appuntamenti, sveglia alle cinque, persino radersi con un occhio solo…

tutto ordinariamente programmato.

Una giornata di ordinaria routine…

Direzione Camerino per incontrare Fulvio ed effettuare il rilievo di un edificio storico e, come ARCHICAD e la sua Nuvola di Punti, generata da un Laser scanner, potevano agevolare la progettualità della ricostruzione, il tutto da presentare ai prossimi incontri con gli Architetti di Ancona e Macerata.

Una giornata di ordinaria routine…

Dove tutto era programmato tranne il vuoto, il silenzio e la desolazione al di là dei presidi militari a guardia del centro storico.

Là dove una volta c’era vita, ora si respirano solo polvere macerie e calcinacci.

Ma le percezioni erano ancora poca cosa e divenivano intense quando Fulvio alle visioni aggiungeva il ricordo,

“questa era la mia camera” e in un angolo un mucchio di tavelle riposte alla rinfusa, così come il sisma aveva deciso di ordinarle.

“Questa è la cucina” con l’immagine di un frigorifero ancora aperto.

“Questo è il mio studio … e questo il soggiorno, dove potersi raccogliere anche nelle più calde giornate estive gratificati dal refrigerio che solo spesse mura antiche possono darti …”

Osservo come il sisma ha deciso di riordinare, mattoni, travi, tavelle, edifici interi, Vite…

Quello di Fulvio un resoconto di frammenti di vita quotidiana che mi mettevano ancor più a disagio, per essere lì, in quel luogo, dove non avrei dovuto essere, e rendermi conto della nostra fragilità di fronte alla forza della natura.

A noi fuori del cratere, il terremoto è stato trasmesso attraverso i media, cosa diversa è Calpestare i Calcinacci, Respirare l’Odore della Polvere, percorrere strade vuote, testimoni un tempo di vita.

Calpesto un vetro e ritorno alla realtà, ai resoconti di Fulvio che Lui sì il sisma l’ha vissuto in prima persona.

Girando fra le stanze vuote, lasciate in fretta, ancora con tracce di vita, mi è capitato di alzare lo sguardo e, vedere le volte affrescate, apparentemente, solo apparentemente, integre; lì è nato il pensiero,

anche nelle più immani tragedie, appelliamoci a tutte le nostre forze, alziamo lo sguardo determinato e fiero e guardiamo lontano;

Ricostruiamo in modo che tragedie simili non possano creare più vittime. Ricostruiamo pensando al futuro dei nostri figli e bandiamo gli impastatori di cemento depotenziato e tutti coloro che Ridendo, vedono nella ricostruzione solo il profitto a discapito di qualsivoglia altra morale…

Una giornata di ordinaria routine…

Dove alla sera torni a casa, nella tua rassicurante intimità e pensi che nonostante tutto l’uomo è un essere fragile sì ma anche capace di guardare avanti, determinato nella ricostruzione, trovando in ogni difficoltà una nuova opportunità di crescere e migliorarsi.

Ed il pensiero va a tutti quelli che dalle macerie non si sono salvati, a tutti quelli che ne sono usciti e lottano per la ricostruzione e anche a chi con il cuore dalle macerie non riesce ancora ad uscirne.

Un pensiero a Fulvio…

e a noi tutti, a volte deviati dal quotidiano vivere, di cui complici e vittime, per aver a volte smarrito la coscienza di cittadini relegati al ruolo di sudditi, in questo paese fatto di parole vuote, incoerenza e memoria breve.

Grazie per questa giornata di non ordinaria routine.

Grazie Fulvio, per avermi dato l’occasione di aver respirato e vissuto la tragedia con i miei occhi e le tue parole.

Doveva essere una giornata di ordinaria routine.

Silvio Falcone